Author Archive Susanna Aruga

7 cose che vorrei: giugno 2018

wishlistGiugno.001

Mi sembra ieri di aver scritto la wishlist di maggio, e invece è già passato un altro mese.
Quindi eccomi con la lista dei desideri di giugno, che quest’anno non è proprio estivissima, ma ha dentro (come al solito) cose varie, più o meno utili, più o meno frivole, più o meno irrinunciabili.

Cominciamo come al solito con le aggiunte da fare alla libreria (anche se in realtà sarebbero molte di più) e poi saltelliamo qui e là tra le altre frivolezze.

Continua a leggere

Semi e frutti – Maggio 2018

semi-frutti-preferiti-maggio2018

Maggio è stato decisamente un mese di cambiamenti quest’anno (e non sarà l’ultimo).
Scrivo questo post seduta al tavolo della cucina della mia nuova casa, ancora senza connessione stabile e guardando gli operai che demoliscono gli interni del palazzo dietro il mio.

Tirare le fila di questo mese non è semplicissimo, ma ci sono un paio di cose qui e là che credo possano riassumerlo.

Continua a leggere

7 cose che vorrei: Maggio 2018

wishlistMaggio.001

Ah, le care vecchie wishlist! Ne creo mille, ma com’è possibile che non le abbia più condivise con voi? Rimedio immediatamente!
Questo mese ho messo insieme un po’ di oggetti che mi sono frullati per la testa nell’ultimo periodo: qualcosa è per la casa (averne una nuova mi giustifica a fare dello shopping, giusto?), qualcosa è per occupare del tempo libero (che senza aver esattamente previsto mi sono ritrovata ad avere), qualcosa è per la nuova vita che mi aspetta da agosto in poi e altro è, come al solito, perché sì!

Cominciamo!

Continua a leggere

Semi e frutti – Aprile 2018

blueberry-3357568_1920

Ho pensato a lungo se valesse la pena creare una nuova rubrica per questo blog.
Ho anche pensato di farne un contenuto video, come facevo una volta sul mio canale YouTube in polacco, ma poi ho pensato che forse fosse meglio iniziare così, scrivendo, un po’ come se questa fosse la pagina di un diario.

Perché questa nuova rubrica ha l’intenzione di tirare le somme di ogni mese, mettendo insieme cose fatte, cose viste, sensazioni provate e fare un bilancio, il più possibile positivo di quello che mi è capitato. Si tratta di una sorta di “preferiti” del mese, di “highlights”: sono i nuovi semi che ho piantato e i frutti che ho raccolto mese per mese.

Eccovi quelli di quello appena terminato: aprile.

Continua a leggere

Aprile 2018: cosa ho preparato

ricette_aprile18.001

Senza dubbio essere a casa in maternità permette di occupare il proprio tempo in attività diverse da quelle che il lavoro normalmente ci porta via o, molto più banalmente, ci permette di passare un numero maggiore di ore su attività che amiamo a cui normalmente dedichiamo un tempo limitato.
Certo essere in forma aiuta e la maternità anticipata può significare che c’è qualcosa che non va o che il nostro corpo ha bisogno di lavorare con tempi e modalità che non coincidono con quelli della nostra routine lavorativa (che è più o meno la situazione in cui mi trovo io).

Quindi, sostanzialmente, quando ho una giornata si (e per fortuna ad aprile è capitato spesso) passo più tempo ai fornelli: non nel senso che cucino molto di più (ingrassare eccessivamente non è di sicuro tra i miei obiettivi in questo periodo, ma soprattutto la mia condizione persona con una malattia autoimmune cronica non ne gioverebbe di certo), ma che cucino cose diverse, cose che necessitano tempo per essere preparate: quel tempo che normalmente non ho.

Continua a leggere

Una questione di bozze e una di faccia.

people-2572980_1920

Il numero di articoli che ho in bozza è direttamente proporzionale al numero di cose che vorrei dire, ma che alla fine non dico (LEGGI= scrivo+pubblico) mai.
Dite che è un problema di perfezionismo dovuto al fatto che sono nata sotto il segno del capricorno?
O forse al fatto che mi vergogno di rendere pubblico un pensiero?
Oppure è una questione legata al non avere realmente qualcosa da dire, ma solo credere di avere pensieri intelligenti?

Trovo imbarazzante, verso me stessa, la duplice volontà di scrivere – la pulsione che ho verso la scrittura – che si accompagna con non una semplice crisi da pagina bianca, ma un vero e proprio rifiuto dell’esprimersi.
Com’è possibile arrivare a questo punto?
Si tratta di un problema di information overflow? Ricevo troppe informazioni che aggiungerne altre, auto-prodotte, mi sembra uno sforzo eccessivo? O forse inutile?

Continua a leggere

Il calendario 2018 da appendere

Calendario_scaricabile.001

L’avevo promesso su Instagram e già condiviso sulla newsletter di novembre (a proposito sei iscritto/a?) ed eccolo qui, il calendario scaricabile che potete stamparvi gratuitamente e appendervi in casa/ufficio o dove vi pare!

Ho pensato che visto che lo creavo per me, potevo condividere questo piccolo progetto anche con voi, poi mi sono fatta prendere dall’entusiasmo e ne ho create due versioni: così potete decidere quale scaricare per voi.

Qui sotto trovate le gallery con i dettagli delle singole versione e i bottoni su cui cliccare per scaricarli.

Continua a leggere

7 cose che vorrei – Dicembre 2017

wishlistDic.001

Quindi, è arrivato il momento dell’ultima wishlist dell’anno!
Saranno contenti parenti ed amici che sono lì pronti a prendere appunti per cosa regalarmi quest’anno a Natale e per il mio compleanno (sappiate che un sacco di cose delle scorse puntate sono ancora valide :D).

Come vedete questa volta mi sono concentrata su due tipologie principali di oggetti: i libri e i vestiti + un gadget divertente.
Vado con i perché ;)

Eh si, ancora libri.

Anche se non ho ancora finito di leggere tutti i libri che ho acquistato/mi sono stati regalati nell’ultimo anno, la mia voglia di leggere e scoprire cose nuove e interessanti non si ferma. Per questo mese ho scelto 3 titoli che vorrei far miei:

Il Giro del Miele di Sandro Campani, perché l’ha consigliato Francesca in uno dei suoi #LibriniTegamini paragonandolo ad uno dei libri che più ho amato quest’anno (Le Otto Montagne di Paolo Cognetti). Si tratta di un libro che parla di umanità e di natura, del rapporto tra questi due elementi e sono proprio curiosa di capire dove possa portarmi. La natura è stata una delle protagoniste delle mie letture di quest’estate (oltre al libro di Cognetti ho letto anche Una Passeggiata nei Boschi di Bryson) e credo di aver bisogno di immergermi di nuovo in una situazione simile.

Continua a leggere

Ottobre 2017: 7 cose che vorrei

whishlistOtt.001

Lo so, lo so: ho saltato settembre con questo appuntamento. Spero vi sia mancato almeno un po’.

La wishlist di ottobre (ehi è un anno che scrivo questa rubrica!) anche questa volta è piena di cose da leggere o simili a cui ho aggiunto qualcosa da indossare. Partiamo dalle basi sostanzialmente questo mese, a volte è necessario.

Perché ho un problema con le illustrazioni: mi piacciono troppo.

In uno dei suoi ultimi post, Mariachiara mi ha fatto scoprire una rivista tutta italiana di illustrazione: si chiama Illustratore Italiano, esce con pochi numeri l’anno (4) e ci si può abbonare. Inutile dire che mi sono emozionata alla sola idea di scoprire milioni di nuovi illustratori che amerò tantissimo.

Dovete sapere che il mondo del disegno e dell’illustrazione mi è sempre piaciuto, per un periodo ho anche pensato di poter iniziare a disegnare anche io (avete presente quando si deve scegliere che scuola fare “da grandi”?). Però poi guardo gli altri e penso che ci sia già un sacco di gente bravissima a fare quel che fa e che l’aggiunta di disegni mediocri serva a poco se non a nulla. Quindi io continuo a scarabocchiare nei miei quaderni (anzi, nel mio bullet journal) e continuo a guardare tantissime illustrazioni ed innamorarmene quotidianamente.

Continua a leggere
1 2 4