Ho visto Birdman. Mi è piaciuto.
Cercherò di spiegare perché senza troppi sproloqui.

BIRDMAN È INNANZITUTTO UN BEL FILM, TECNICAMENTE PARLANDO.

Un piano sequenza di due ore – non se ne vedevano di così ben digeribili dai tempi di Nodo alla gola del mio amato Hitchcock -, ellissi temporali di altissimo livello, una colonna sonora memorabile, una gestione dell’onirico che entrerà nei libri di storia del cinema.

Una costruzione filmica capace di mantenere la barriera dello schermo alta quanto basta per farci vedere dall’altro lato senza toccare necessariamente l’immedesimazione.

Continua a leggere